Consiglio Regionale News Lavoro, istruzione e formazione Monica Forte

Valorizzare le attività storiche contro la spersonalizzazione delle città

“È una legge che affronta il tema delle attività produttive in relazione con il tempo. La vita media delle imprese in Lombardia è purtroppo molto ridotta, sono feroci gli attacchi al tessuto produttivo tradizionale delle multinazionali onnivore in una società del consumo a tutti i costi e a poco prezzo. Valorizzare le botteghe storiche è, all’opposto, difendere e valorizzare i prodotti di qualità, sostenere chi presidia piazze, identifica le vie e fa sopravvivere emozioni e ricordi legati al passato. Difendere questi punti di riferimento equivale a contrastare la spersonalizzazione di città ormai dormitorio, l’impoverimento dei territori legato alla serialità dei centri commerciali e promuovere un tessuto economico sano che qualifica il lavoro a missione e che fa dell’Italia dei mille campanili un’eccellenza. La difesa e la tutela delle botteghe storiche è un obbligo sociale, politico e morale. Da qui il voto favorevole del M5S che ha emendato la legge riducendo da 50 a 40 anni il requisito per ottenere la qualifica di bottega storica ampliando così la platea di attività che meritano sostegno e valorizzazione” così Monica Forte, commenta l’approvazione della legge per la valorizzazione delle attività storiche con il voto favorevole del M5S Lombardia.

Articoli Correlati

Da Regione No al rimborso abbonamenti Trenord per il mese di luglio. Di Marco: “Pendolari beffati dopo i disastri delle ultime settimane”

Commissione d’inchiesta Covid assenti Fontana e Moratti. Di Marco : «Ingiustificabile mancanza di rispetto»

Carolina Russo De Cerame

Regione Lombardia boccia il salario minimo, Mammì: «Abbiamo dettato l’agenda sul reddito di cittadinanza, sul taglio dei vitalizi, sulle armi e sulle politiche energetiche. Il vecchio centrodestra si adeguerà anche al salario minimo»

Carolina Russo De Cerame