fbpx
Home Notizie Mozione urgente perchè Regione Lombardia intervenga sul caso Fondazione Maugeri
Mozione urgente perchè Regione Lombardia intervenga sul caso Fondazione Maugeri
1

Mozione urgente perchè Regione Lombardia intervenga sul caso Fondazione Maugeri

0
1

MOZ URGENTE FSM 10-03-2015Fondazione Salvatore Maugeri ha trasmesso il Piano di Ristrutturazione Finanziaria, nell’ambito della procedura di concordato preventivo, al Tribunale di Pavia e a Regione Lombardia. Contestualmente, Regione Lombardia ha richiesto un risarcimento a FSM per un importo pari a Euro 230 Milioni, nell’ambito del procedimento penale in corso che vede imputati, fra gli altri, l’ex Direttore Generale di FSM e l’ex Governatore della Lombardia Formigoni ed al cui interno si è costituita parte civile. A oggi, pertanto, Regione Lombardia, oltre ad essere il principale finanziatore di FSM ne è anche il maggiore creditore.

Iolanda Nanni consigliere regionale M5S dichiara: “A seguito degli ultimi accadimenti, il M5S Lombardia ha presentato una mozione urgente (scarica qui), di cui sono prima firmataria, per richiedere un intervento deciso di Regione Lombardia sul caso Maugeri. Sinora, Regione Lombardia è rimasta alla finestra a guardare, silente e passiva, l’avvio di una manovra finanziaria e speculativa, avallata anche da un miserevole accordo sindacale firmato dai confederali, che prevede la cessione di gran parte delle proprietà immobiliari di FSM ad un Fondo di gestione e lo snaturamento della vocazione onlus della Fondazione trasformandola in una società per azioni con scopro di lucro. Non si capisce cosa a che gioco stia giocando Regione Lombardia, soprattutto alla luce della recente richiesta di risarcimento pari a ben 230Milioni di Euro, una cifra spropositata ed abnorme, considerato anche il fatto che il processo penale in corso investe direttamente anche ex cariche apicali di Regione Lombardia. Non vorremmo mai che ci fosse del “metodo” in questa follia e non sempre il metodo ha fini eticamente sociali e non vorremmo che rispondesse a oscure logiche di guerre fra cordate di lobby di potere che vogliono mungere la “vacca Maugeri”, un affare da svariati milioni di euro che fa gola a molti”.

“Proprio per questo ora – continua Nanni – Regione Lombardia deve decidere se approvare il Piano di Ristrutturazione Finanziaria presentato da Fondazione Maugeri ed ha ora l’occasione di dimostrare di avere unicamente a cuore il suo futuro a tutela sia dei 3.500 lavoratori, sia della qualità delle prestazioni sanitarie erogate. Con la nostra mozione chiediamo pertanto che Regione Lombardia ponga delle condizioni all’approvazione del Piano di Ristrutturazione, condizioni che rispondano a interessi sociali e diffusi. Chiediamo quindi alla Giunta di dettare condizioni al fine di scongiurare il conferimento del patrimonio immobiliare a un Fondo a scopo di lucro, dato che tale conferimento priverebbe FSM di asset strategici ponendola nella condizione peggiorativa di dover pagare ingenti canoni di locazione con rischi di deterioramento dei bilanci; condizioni che siano finalizzate a preservare la vocazione no profit della Fondazione, mantenendo il comparto sanitario nel perimetro della Fondazione onlus, quindi scongiurando la creazione di società per azioni a scopo di lucro con conseguente necessità di pagare consistenti dividendi agli azionisti, e perciò distogliendo parte dei finanziamenti pubblici dalle finalità sanitarie per le quali vengono annualmente erogati; chiediamo che siano poste condizioni al fine di indurre FSM a redigere un Piano Industriale che si fondi su una riorganizzazione interna effettiva attraverso misure di risanamento, risparmio e di migliore efficienza, anche sulla scorta delle linee elaborate all’interno del business plan PWH 2013/2017, che garantiscano la continuità aziendale di FSM, così come richiesto dalla normativa regionale e nazionale, tutelando al contempo la sua natura di onlus senza scopo di lucro”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali