Home Comunicati stampa Lancini si dimetta. Stop all’affarismo leghista

Lancini si dimetta. Stop all’affarismo leghista

0
1

Il sindaco leghista di Adro Oscar Lancini è finito agli arresti domiciliari perché accusato di falso in atto pubblico, di turbata libertà del procedimento di scelta del contraente e di turbata libertà degli incanti. Con lui è ai domiciliari l’assessore leghista ai Lavori pubblici Giovanna Frusca e  un totale di 24 persone.

Non possiamo che ricordare le lezioni di legalità che ci impartiva la Lega Nord contro i partiti della Prima Repubblica con lo slogan “Roma ladrona”. Al contrario sembra proprio che la Lega si sia adattata a quell’affarismo e a quella mala gestione, gli stessi che hanno depredato il Paese di risorse pubbliche per anni e ha distrutto la Pubblica Amministrazione.

Suona francamente fuori luogo la solidarietà espressa al sindaco a tutti i livelli dal suo partito. Confidiamo in una pronta definizione della vicenda nell’interesse del bene pubblico da tutelare e restiamo in attesa delle dimissioni del primo cittadino.

Giampietro Maccabiani, consigliere regionale M5S Lombardia

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali