Home Cultura e sport Necessario abolire il buono scuola e sostenere la scuola pubblica

Necessario abolire il buono scuola e sostenere la scuola pubblica

0
0

Oggi, in Commissione regionale Cultura e Istruzione si è svolta l’audizione dei ragazzi delle scuole superiori e universitari dell’Associazione “Non uno di meno”  per discutere di finanziamenti alle università, di buono scuola e dote scuola. Dal 2001 a oggi la scuola privata lombarda ha ricevuto 600 milioni di euro.

L’associazione ha presentato una petizione popolare che ha raccolto più di 10 mila firme che chiede alla Regione l’abolizione del buono scuola che viene erogato alle famiglie degli studenti che frequentano le scuole private paritarie. E’ stato anche comunicato l’avvio di un ricorso al TAR per porre fine alla discriminazione che vieta alle famiglie i cui figli frequentano la scuola pubblica di accedere al buono scuola.

Paola Macchi, portavoce del Movimento 5 Stelle dichiara: “Il Movimento 5 Stelle ha sposato fin dal suo insediamento in Regione la battaglia per l’abolizione del buono scuola e ha ribadito, anche questa volta, che destinare in bilancio 30 milioni di euro per il 10 per cento degli studenti che frequentano le scuole private paritarie e 5 milioni al 90 per cento di studenti che frequentano le scuole statali non è un modo equo di distribuire le tasse pagate da tutti i cittadini.

Ma questo interessa evidentemente a pochi: solo due consiglieri della Maggioranza, oltre al presidente Ferrazzi, hanno ascoltato questi ragazzi e una richiesta che arriva direttamente dal territorio.

Per parte nostra interverremo in aula con azioni concrete volte a sostenere una scuola pubblica totalmente trascurata, negli ultimi anni, dalla Regione Lombardia”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali