Home Notizie Scuola pubblica, Cardinal Scola, duro intervento politico. Perplessi per la visita in Consiglio regionale
Scuola pubblica, Cardinal Scola, duro intervento politico. Perplessi per la visita in Consiglio regionale

Scuola pubblica, Cardinal Scola, duro intervento politico. Perplessi per la visita in Consiglio regionale

0
2

ScolaIl Cardinale Angelo Scola, in un incontro con gli insegnanti che si è tenuto il 22 gennaio, ha dichiarato “Non dobbiamo sottovalutare la scuola di Stato” e aggiunto che “lo Stato deve governare la scuola, ma non pretenda di gestirla”. Ancora, secondo l’arcivescovo di Milano, “non bisogna parlare d’istituti cattolici, ma d’istituti liberi, perché scopo della scuola è educare e l’educazione è un incontro di libertà”. Sul taglio presunto alle risorse alla scuola provata Scola ha poi aggiunto: “non si parli di scuole paritarie se manca l’aspetto finanziario”.

“Sono parole dure che entrano con violenza nel vivo del dibattito politico su scuola pubblica e scuola privata paritaria e mostrano un chiaro spirito polemico verso l’articolo 33 della Costituzione che dice chiaramente che- Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato. La legge, nel fissare i diritti e gli obblighi delle scuole non statali che chiedono la parità, deve assicurare ad esse piena libertà e ai loro alunni un trattamento scolastico equipollente a quello degli alunni di scuole statali. E noi aggiungiamo che, di conseguenza, un trattamento equipollente deve essere riconosciuto alle famiglie che mandano i loro figli alla scuola statale. Ribadiamo che il nostro è uno stato laico a tutti i livelli, e che l’intervento del Cardinale alla seduta di Consiglio Regionale, programmata per il 4 febbraio prossimo, non deve essere l’occasione per promuovere finanziamenti alle scuole paritarie che, per la stragrande maggioranza sono di confessione cattolica”, dichiara Paola Macchi, portavoce del Movimento 5 Stelle.

“Il nostro programma elettorale è molto chiaro: per il Movimento 5 Stelle le risorse finanziarie dello Stato devono essere erogate solo alla scuola pubblica. Non vorremmo che in occasione della sua visita in Consiglio regionale il Cardinale entri a gamba tesa nel dibattito politico su di una questione che in Lombardia va risolta: i genitori che mandano figli alle scuole private ricevono sovvenzioni enormi rispetto a alle famiglie che mandano figli alla scuola pubblica; dietro un presunto aiuto per la libertà di scelta si cela una vero e proprio uso discriminante dei soldi raccolti dalle tasse di tutti i cittadini lombardi. Le scuole private parificate hanno tutto il diritto di esistere ma non devono togliere risorse alle scuole statali, come è avvenuto fin’ora. Proprio per questo rinnoviamo l’invito al Cardinale a venire a Palazzo Pirelli ma non all’appuntamento del Consiglio regionale, evitando ingerenze religiose in ambito costituzionalmente laico”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali