Home Giampietro Maccabiani Incontrate le rappresentanze sindacali dei dipendenti del consiglio: no ai tagli

Incontrate le rappresentanze sindacali dei dipendenti del consiglio: no ai tagli

0
0

Il Movimento 5 Stelle Lombardia ha incontrato questa mattina le rappresentanze sindacali del personale dipendente del Consiglio Regionale.

Giampietro Maccabiani, portavoce M5S Lombardia, dichiara: “Le rappresentanze sindacali dei dipendenti del consiglio regionale chiedono che il personale che in media percepisce circa 1200 euro netti al mese non si veda ridurre l’indennità, di circa settanta euro al mese. Evidentemente siamo d’accordo: i sacrifici, che ci devono essere, vanno assunti da chi ha una retribuzione maggiore e non devono pesare sulle categorie con reddito più basso.

Per Maccabiani: “le coperture ci sono e il tetto di spesa per il personale che lavora in Regione Lombardia può essere portato a quello del 2010. Proprio per questo chiediamo che l’ufficio di presidenza e in particolare il Presidente Cattaneo dia un mandato chiaro e certo alla delegazione trattante, perché utilizzi la normativa per garantire la distribuzione delle indennità per tutta la durata contrattuale come già succede oggi, a coloro che percepiscono di meno e cioè le categorie contrattuali B e C, e non interpretare le normative a proprio piacimento. Voler spostare quei soldi dalla categoria “indennità” a “produttività” è una presa in giro, perchè la produttività può esserci quest’anno e non l’anno prossimo, mentre l’indennità è certa per il triennio 2014-2017. Quindi non sono la stessa cosa.

Nessuno deve rimanere indietro e in un momento di grave crisi è necessario tutelare le fasce più deboli, sia giuridicamente che economicamente. E’ francamente vergognoso che  l’attuale maggioranza si dimostri forte con i deboli, trincerandosi dietro interpretazioni normative, e debole con i forti, calando le braghe su situazioni come quelle dei vitalizi d’oro degli ex consiglieri, dove invece le norme vengono interpretate in favore degli amici”.

 

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali