Home Andrea Fiasconaro Consumo suolo: serve una legge seria che fermi il dissesto idrogeologico. L’assessore Bordonali relazioni in aula

Consumo suolo: serve una legge seria che fermi il dissesto idrogeologico. L’assessore Bordonali relazioni in aula

0
0

“La Lombardia è in ginocchio dopo due giorni di maltempo, si calcolano in queste ore milioni di euro di danni per allagamenti e smottamenti. Restano incalcolabili i disservizi subiti dai cittadini e i partiti si affretteranno a trovare un responsabile del disastro solo nell’eccezionalità delle piogge”, così Andrea Fiasconaro, capogruppo di M5S Lombardia.

“Non è così: anni di totale libertà nella cementificazione selvaggia, nell’impermeabilizzazione del suolo, in progetti assurdi di speculazione come l’interramento del Seveso. I partiti che hanno governato la Lombardia negli ultimi 30 anni sono i responsabili di questo disastro, in particolare Lega, Forza Italia e NCD. Si devono assumere le loro responsabilità, non hanno fatto nulla nemmeno recentemente per prevenire questi disastri ”, continua Fiasconaro.

“Chiediamo formalmente che L’Assessore Bordonali venga a relazionare il consiglio regionale sulla situazione reale nella nostra regione, sulle azioni intraprese dalla protezione civile e che cosa intenda fare per migliorare la prevenzione. La maggioranza deve ritirare la legge sul Consumo di suolo in discussione martedì con oltre 2 mila proposte di modifica del M5S. Quella legge consentirà di cementare la Lombardia liberamente per altri tre anni, mentre il recupero della permeabilità del suolo non può attendere tempi così lunghi. Anche alla luce dai fatti di oggi, quella legge va riscritta da cima a fondo: è prioritario legiferare per restituire terra permeabile laddove c’è solo cemento i cui risultati si vedranno tra anni, per cui si deve partire oggi e non tra tre anni. I politici si assumano finalmente la responabilità delle scelte scellerate che hanno reso il territorio lombardo impermeabile e incapace di fare i conti con due giorni di pioggia battente”, conclude Fiasconaro.

 

 

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali