Home Ambiente e Protezione Civile Le bugie di Maroni hanno le gambe corte
Le bugie di Maroni hanno le gambe corte

Le bugie di Maroni hanno le gambe corte

0
0

Dopo la smentita del FAI arriva anche quella del WWF in merito alle dichiarazioni di Roberto Maroni sulla legge contro il Consumo di suolo che, secondo il governatore della Lombardia, sarebbe appoggiata dalle associazioni ambientaliste.

Ecco il comunicato riportato sul sito del WWF Italia:

“Il WWF  Lombardia smentisce fermamente le dichiarazioni di oggi, come riportate dalle agenzie, del Presidente della Regione Lombardia Roberto Maroni rispetto ad una esplicita approvazione da parte del WWF, del Progetto di Legge sul Consumo di Suolo, attualmente in discussione in Consiglio Regionale.

Al contrario, in tutte le sedi a partire dall’audizione alle osservazioni inviate il 27 ottobre 2014 alla V Commissione Regionale   il WWF ha evidenziato le necessità che l’auspicato fermo del consumo di suolo perseguito dal progetto di legge veda accolte le correzioni e integrazioni chieste dall’associazione: tempi più stretti, computo delle opere extra comunali nel concetto di suolo consumato, definizione di suolo più ecologica.”

Ieri invece era arrivata la risposta del FAI (Fondo Ambiente Italiano.) alle dichiarazioni di Maroni:

“E’ una balla colossale che il FAI ha smentito Maroni dichiarando che l’associazione ha sempre evidenziato le molteplici criticità del testo e chiedendo al Consiglio di modificarne sostanzialmente i contenuti. E’ gravissimo per un Presidente di Regione l’uso della menzogna, in un momento di sofferenza per il territorio lombardo allagato, per fare propaganda a una legge che peggiorerà la tenuta dei suoli lombardi. In altri paesi la falsa propaganda di Maroni avrebbe esiti definitivi per la sua carriera politica. Maroni se avesse un minimo di morale si scuserebbe con il FAI e rispedirebbe l’orrenda legge in discussione in Commissione perché sia riscritta da cima a fondo”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali