Home Ambiente e Protezione Civile Pedemontana: dalle tratte in funzione scomparse le compensazioni ambientali e le mitigazioni

Pedemontana: dalle tratte in funzione scomparse le compensazioni ambientali e le mitigazioni

0
1

pedemontana compensazioni_b

Il Consigliere regionale del Movimento 5 Stelle della Lombardia Gianmarco Corbetta ha depositato una mozione che chiede conto alla Giunta Maroni della scomparsa delle compensazioni ambientali e delle mitigazioni che avrebbero dovuto essere realizzate contestualmente all’apertura di Pedemontana di cui è già in funzione il tratto A, la tangenziale di Varese, e, a entro luglio 2015, il tratto B1 e il primo lotto della tangenziale di Como.

Gianmarco Corbetta, consigliere del M5S Lombardia, dichiara: “Oltre al danno della distruzione del territorio a causa di un’opera inutile, c’è anche la beffa: la realizzazione delle compensazioni ambientali e delle mitigazioni sulla Pedemontana sono in grave ritardo rispetto a quanto previsto e annunciato.  Maroni, nel gennaio 2015, ha garantito in prima persona la realizzazione di quelle opere anche sulla base delle richieste degli amministratori locali. Ad oggi non se ne sa nulla e visto la stato comatoso in cui versano le finanze della società Pedemontana il rischio concreto è che non se ne faccia nulla”.

“Con la mozione chiediamo – continua Corbetta – che si attivi un tavolo tecnico-politico tra Regione e società Autostrada Pedemontana Lombarda S.p.A  per sollecitare e verificare periodicamente l’effettiva realizzazione di tutte le opere di mitigazione e compensazione ambientale previste. Chiediamo poi che Maroni si impegni a promuovere l’elaborazione di uno strumento di pianificazione strategica di vasta scala per il territorio interessato dal passaggio delle tratte A e B1 di Pedemontana, della Tangenziale di Varese e del primo lotto della Tangenziale di Como che preveda sia la definizione di una ampia fascia di inedificabilità sui due lati dell’infrastruttura, degli svincoli, delle opere di viabilità accessoria (superiore a quanto già previsto dalla normativa di settore) sia la rifunzionalizzazione degli spazi aperti, ossia dei suoli – attigui all’infrastruttura –  attualmente inedificati e non impermeabilizzati. E’ necessario infatti tutelare e valorizzare quel che resta del suolo dopo lo scempio ambientale, ecologico e paesaggistico che costituisce l’inutile Pedemonatana”.

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali