Home Ambiente e Protezione Civile #Dieselgate: Volkswagen risarcisca i danni
#Dieselgate: Volkswagen risarcisca i danni

#Dieselgate: Volkswagen risarcisca i danni

0
0

I gruppi regionali del M5S stanno depositando un’interrogazione alle Giunte Regionali sul caso Volkswagen. La ditta ha truccato i test ambientali e i veicoli inquinano molto di più di quanto comunicato dalla casa produttrice. Si stimano emissioni superiori 40 % rispetto a quanto dichiarato di monossido di azoto, sostanza responsabile di asma e malattie respiratorie. In Italia circolano circa un milione di auto della Volkswagen e sono in corso verifiche sulle loro emissioni ed è stata sospesa la vendita dei veicoli Euro 5.

E’ necessario agire a tutti i livelli istituzionali per ripristinare il pieno rispetto delle norme sulle emissioni delle auto. Ogni alterazione o manipolazione impatta pesantemente sulla salute dei cittadini, sull’aria che respiriamo e sull’ambiente. Senza contare che gli ecoincentivi statali potrebbero essere stati attribuiti in base a dati taroccati sulle emissioni.  E’ poi necessario tutelare i cittadini  che hanno acquistato auto che potrebbero risultare non omologate.

Le interrogazioni dei gruppi regionali del MoVimento 5 Stelle chiedono ai presidenti di Regione di agire in tutte le sedi per avere sistemi rigorosi di omologazione delle auto, norme più stringenti in materia di informazioni agli acquirenti di automobili, maggiori investimenti per ridurre l’inquinamento dai mezzi di trasporto privati. Soprattutto occorre tutelare i cittadini che sono stati truffati nell’acquisto della propria autovettura attivandosi affinché i danni siano risarciti.  Ma non basta: anche le stesse Regioni devono essere risarcite dei danni causati all’ambiente e gli introiti vanno impiegati a sostegno del miglioramento della qualità dell’aria che tutti noi respiriamo!

I portavoce regionali del M5S

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali