Eugenio Casalino Legalità e trasparenza Notizie

Processo per tangenti a Formigoni, la Lombardia non sarà parte civile.

La maggioranza che governa la Lombardia ha perso l’ennesima buona occasione per prendere le distanze con il ventennio formigoniano adducendo deboli motivazioni tecniche, bocciando in Consiglio Regionale una mozione che chiedeva che Regione Lombardia si costituisse parte civile nel processo per tangenti contro Formigoni. E’ un peccato perché i danni patrimoniali e d’immagine, insieme a quelli morali, che hanno subito i lombardi, che hanno assistito a scandali e processi meritavano un presa di posizione immediata nel processo. La costituzione di parte civile doveva essere un atto d’ufficio, ma per Maroni e i suoi ne i processi che vedono coinvolto Mantovani ne quelli che vedono coinvolto Formigoni meritano una richiesta immediata di danno all’istituzione.

Eugenio Casalino – Consigliere regionale del M5S Lombardia

 

 

 

 

Articoli Correlati

Caro bollette: «Via addebito bancario, rateizzazione automatica, l’extra costo a carico di chi fa extra profitti. Chi ha svenduto i servizi pubblici ora ci metta la faccia»

Redazione Staff

Superbonus 110%: Lombardia si conferma al primo posto per asseverazioni. Il Movimento lavora per il Nord e per le imprese

Redazione Staff

Centrodestra salva La Russa, Di Marco: «Anche in Regione Lombardia comanda Fratelli d’Italia»

Redazione Staff