Marco Fumagalli Notizie Sanità e Politiche Sociali

Meno controlli e più privato, la riforma della sanità peggiora ancora

Con la revisione della riforma della Sanità Lombarda, in questi giorni in discussione in Commissione III in Consiglio Regionale, la maggioranza sta riuscendo nel tentativo di peggiorare la riforma di Maroni. Le novità introdotte porteranno meno controlli e più privato. Una visione confermata dalla bocciatura di tutte le nostre proposte emendative che avrebbero migliorato nettamente l’impianto generale della riforma, come l’istituzione dell’infermiere di famiglia e un modello di intramoenia allargato che avrebbe previsto maggiori controlli per medici che ricevono da privati in strutture pubbliche. Bocciato anche l’emendamento che chiedeva un potenziamento delle agenzie di controllo. Evidentemente si vuole avere mano libera nella gestione delle immense risorse della sanità lombarda.
In sostanza questa giunta continua nel percorso di distruzione della sanità pubblica, con liste di attesa lunghissime e con ripartizioni territoriali dannose per i cittadini. La riforma della cronicità delinea chiaramente una commercializzazione della nostra salute. Le nostre patologie finiscono nel “supermarket” della sanità privata. A loro gli utili e a noi a pagare il prezzo di una sanità sempre più cara. La responsabilità di tutto questo è di Lega e Forza Italia che si pongono in assoluta continuità con il modello di sanità formigoniano. Come Movimento 5 Stelle ci opporremo con tutte le nostre forze a questa impostazione.

Marco Fumagalli –  Consigliere Regionale del M5S Lombardia

Articoli Correlati

#SaliAbordo: il M5S Lombardia incontra i territori

Commissione d’inchiesta Covid assenti Fontana e Moratti. Di Marco : «Ingiustificabile mancanza di rispetto»

Carolina Russo De Cerame

In Commissione Sanità le modifiche alla riforma Moratti, Fumagalli: «Correzioni sostanziali, altrimenti il Governo avrebbe impugnato la legge»