Home Ambiente e Protezione Civile Incendi in Lombardia: si discuta di meno e si agisca di più per la prevenzione
Incendi in Lombardia: si discuta di meno e si agisca di più per la prevenzione

Incendi in Lombardia: si discuta di meno e si agisca di più per la prevenzione

0
3

L’Assessore regionale al Territorio Pietro Foroni ha risposto a un’interrogazione del M5S Lombardia sugli incendi nella zona di Varese.

Il M5S chiede che la Regione Lombardia si attivi per salvaguardare il bosco e fare sì che incendi come quelli che hanno coinvolto le zone di Varese e Como non si ripetano annualmente.

L’Assessore Foroni ha spiegato che “condizioni metereologiche assolutamente avverse con siccità e forti venti” avrebbero favorito i roghi e ricostruito le attività di intervento che hanno fronteggiato gli incendi. Per l’Assessore “il sistema ha risposto con la massima efficienza”.

Roberto Cenci, consigliere regionale di Varese del M5S e Raffaele Erba, consigliere regionale di Como del M5S, hanno dichiarato: “Il ripetersi annuale, nel periodo invernale, di incendi nei boschi è un grave danno per tutti i lombardi. La nostra regione si deve dare una mossa e deve dimostrare di saper prevenire gli incendi. I roghi hanno devastato, solo a Varese, un’area di circa 400 ettari, pari a 600 campi di calcio.

Il sottobosco è bruciato totalmente, c’è stata una perdita di biodiversità e sono stati immessi in atmosfera quantità enormi di inquinanti. Mi auguro che le iniziative proposte dall’Assessore con il finanziamento della messa in sicurezza del torrente Tinella per la prevenzione vengano messe in campo rapidamente. Ovviamente non è abbastanza: servirebbero oltre 2 milioni per recuperare i danni dell’incendio solo a Varese e, al momento, sono stanziati solo 800 mila euro.

Da quando siamo stati eletti abbiamo verificato che in Consiglio regionale si discute e si scrive molto. Forse bisognerebbe discutere di meno e agire di più per risolvere problemi come questo.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali