Consiglio Regionale News Notizie

Fanghi: “Ora servono controlli e normative chiare”

Regione Lombardia approva all’unanimità la risoluzione sui fanghi e gessi da defecazione: “Questa risoluzione è frutto di un lavoro coordinato e approfondito, portato avanti su impulso del M5S in Commissione Ambiente” spiega il consigliere regionale Massimo De Rosa: “Si tratta di un buon primo passo, ora dipenderà dalla Giunta, dalla volontà politica che avrà di portare avanti l’impegno preso oggi in Consiglio Regionale. L’obiettivo è quello di assolvere all’impegno preso già nel 2017 ovvero quello di scrivere le linee guida regionali in materia di spandimento fanghi e gessi di defecazione. Le linee guida regionali sono un passaggio fondamentale, per la creazione di un percorso comune volto ad impedire ogni possibile interpretazione, ogni cavillo, ogni scappatoia” commenta De Rosa.

“Con questa risoluzione scegliamo di non prendere la strada più semplice, ovvero prendere e incenerire tutto, salvo poi trovarsi con il problema di gestire i residui. Al contrario ci proponiamo di raggiungere una soluzione attraverso l’implementazione dei controlli e la stesura di una normativa stringente in materia, normativa che riguardi ovviamente anche i gessi di defecazione, dei quali ora avremo tracciabilità e controllo” insiste De Rosa illustrando il lavoro svolto in Commissione.

“Quanto approvato oggi è un primo importante passo. Il Movimento Cinque Stelle vigilerà affinché il percorso intrapreso non si interrompa a causa dell’inerzia della Giunta. Lo faremo perché riteniamo che far rientrare la gestione dei fanghi in un’ottica di economia circolare sia fondamentale. Lo faremo anche in memoria della nostra Iolanda Nanni, che ha combattuto a lungo questa battaglia per il nostro territorio” conclude De Rosa.

Articoli Correlati

Da Regione No al rimborso abbonamenti Trenord per il mese di luglio. Di Marco: “Pendolari beffati dopo i disastri delle ultime settimane”

Commissione d’inchiesta Covid assenti Fontana e Moratti. Di Marco : «Ingiustificabile mancanza di rispetto»

Carolina Russo De Cerame

Regione Lombardia boccia il salario minimo, Mammì: «Abbiamo dettato l’agenda sul reddito di cittadinanza, sul taglio dei vitalizi, sulle armi e sulle politiche energetiche. Il vecchio centrodestra si adeguerà anche al salario minimo»

Carolina Russo De Cerame