Home Consiglio Regionale News Pieve Emanuele: abbattimento palazzina abbandonata, la regione tergiversa
Pieve Emanuele: abbattimento palazzina abbandonata, la regione tergiversa

Pieve Emanuele: abbattimento palazzina abbandonata, la regione tergiversa

0
1
đź”´ PIEVE EMANUELE: ABBATTIMENTO PALAZZINA ABBANDONATA, LA REGIONE TERGIVERSA
 
Durante il consiglio regionale di martedì, il Consigliere Nicola Di Marco ha discusso la mozione riguardante il quartiere ex ENPAM di Pieve Emanuele (cd Q.re delle Rose).
 
“Ho chiesto che venisse avviato un percorso, di concerto con l’amministrazione comunale, per arrivare all‘abbattimento di una palazzina di circa 10 piani ed alcuni edifici in totale stato di degrado ed abbandono. Gli stessi, in aree di proprietĂ  ALER/ASSET, destinati ad irrealistiche funzioni direzioni e commerciali e facenti parte dell’Accordo di programma del 2003 che avrebbe dovuto portare alla riqualificazione di questo quartiere.
 
Purtroppo, la risposta dell’Assessore Bolognini è stata negativa: Regione Lombardia ed Aler continueranno a non fare nulla di incisivo.
Quegli stabili degradati non saranno demoliti per il momento e neanche sarĂ  possibile un loro utilizzo per fini residenziali.
Inoltre, considerato che il piano procede a rilento anche nelle altre aree, di fatto si abbandona l’area ad un progressivo degrado, anche con il rischio che il valore degli alloggi negli stabili vicini continui a diminuire.
 
Più che la sbandierata Lombardia dell’eccellenza, questa sembra la Lombardia dell’inerzia. Pensavamo che 16 anni di attesa fossero sufficienti per elaborare una soluzione concreta per questo territorio ma evidentemente alla Lega Nord non sono bastati.
Noi pensiamo invece che Pieve Emanuele non si meriti di continuare ad avere nel mezzo del Paese un simile scempio. Il Governo Conte 1 ha messo a disposizione di Regione Lombardia oltre 160 milioni di euro per i vari programmi per il “settore casa”, non ci sono piĂą scuse per non agire.”

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali