In Consiglio regionale abbiamo respinto il tentativo della Lega di strumentalizzare, ad uso e consumo della propria campagna elettorale, i fatti di Pioltello. Un episodio chiuso settimane fa dalle parole del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che aveva detto: “apprezzo il lavoro che il corpo docente e gli organi di istituto svolgono nell’adempimento di un compito prezioso e particolarmente impegnativo”, rispondendo alla prof. Maria Rendani, vicepreside dell’Istituto comprensivo statale Iqbal Masih di Pioltello,  che in accordo con il Consiglio di Istituto aveva deciso di sospendere le lezioni in occasione della fine del Ramadan.

Questione chiusa? Non per la Lega che ha provato a far votare in Aula una mozione che dietro al titolo: “Misure a sostegno della continuità didattica” nascondeva bieche ideologie culturali volte a negare agli stranieri la possibilità di vivere pacificamente un momento di festa, delegittimando la libera scelta della scuola di Pioltello.

Ci siamo opposti con tutte le forze a una mozione pretestuosa e strumentale, che mirava a negare una società fondata sull’inclusione e sull’interazione tra culture.

Ancora una volta il centrodestra si è spaccato su temi fondamentali come diritti e scuola, e la mozione è stata respinta dal Consiglio regionale.

Volevano punire la scuola, hanno finito per punire sé stessi.

Articoli Correlati

Redazione Staff

Redazione Staff

EUROPEE: #LITALIACHECONTA COMINCIA IL CAMMINO

Redazione Staff