fbpx
Home Andrea Fiasconaro EXPO. L’incontro di M5S con il Commissario Sala

EXPO. L’incontro di M5S con il Commissario Sala

0
1

incontro-sala3Lunedì 7 luglio 2014 i portavoce (regionali e del Comune di Milano) del Movimento 5 Stelle hanno incontrato il Commissario unico di Expo 2015, Giuseppe Sala. Presenti all’incontro anche il dr. Christian Malangone, Direttore Generale della Direzione Business Planning & Control, e l’ing. Paolo Molaioni (Responsabile Autorizzazioni e Sicurezza della Direzione Constructions & Dismantling).

Durante il colloquio, richiesto dal Movimento 5 Stelle per approfondire diversi temi relativi all’esposizione universale che si terrà a Milano dal maggio prossimo, sono state affrontate numerose questioni.

All’apertura dell’incontro il dott. Sala ha presentato una relazione introduttiva sullo stato di avanzamento dei lavori per la costruzione del sito espositivo e, anche alla luce degli scandali giudiziari che hanno coinvolto aziende che si sono aggiudicate alcuni appalti, approfondito il ruolo e i poteri del Presidente dell’Autorità Nazionale Anticorruzione, Raffaele Cantone, chiamato dal Governo Renzi a vigilare sulla correttezza e la legalità degli appalti in essere e in divenire di Expo 2015.

I LAVORI SULLA PIASTRA. Lo stato di avanzamento dei lavori per Expo 2015 non preoccupa il commissario Sala. La piastra è completa al 60% mentre i lavori di rimozione delle interferenze sul sito sono completi al 90%. Sugli allestimenti, di spettanza alla ditta Maltauro coinvolta in indagini della Magistratura, sono rilevate delle problematicità anche per il possibile commissariamento dell’azienda che se li è aggiudicati. Sala esprime poi preoccupazione sull’aumento dei costi relativi alle riserve, e cioè tutte quelle richieste di esborso extra da parte delle aziende che operano sul sito per cambiamenti del crono programma dovuti a cause non imputabili direttamente alle stesse, come ad esempio il maltempo o ritardi burocratici e amministrativi. Infine, da settembre 2014 a marzo 2015, l’attenzione sui cantieri dovrà essere costante perché saranno questi i mesi che vedranno la più alta concentrazione di operai sul cantiere anche per l’arrivo dei paesi esteri.

IL RUOLO DEL PRESIDENTE DRLL’ANAC. Il dott. Sala ha spiegato che il dott. Cantone avrà l’onere di verificare la correttezza di tutte le gare già assegnate (2500 affidamenti) e quelle ancora da assegnare, relative soprattutto agli allestimenti e ai servizi. Nell’approcciare questo lavoro, molto impegnativo in termini di tempo, si cercherà di mediare tra l’urgenza di portare a termine i progetti e la necessità di controllo. Tra le facoltà assegnate al dott. Cantone vi è quella di mettere in amministrazione controllata appalti delle aziende anche in mancanza di un giudizio definitivo della Prefettura, come nel caso della Maltauro. Per le gare di appalto future il dott. Cantone chiederà la partecipazione di membri esterni nelle commissioni che giudicheranno le gare. Il dott. Sala si è dichiarato soddisfatto della nomina di Cantone: “ben venga che ci sia una figura che dia un po’ di sicurezza al sistema generale”.
PARTECIPAZIONE A EXPO. Al 7 luglio 2014 risultano essere 53 i contratti firmati dai paesi partecipanti e due sono in fase di definizione. Per il Commissario straordinario una così alta partecipazione è un successo se ci si confronta con l’Expo che si è tenuta a Shanghai e che ha visto la partecipazione di 42 nazioni.

LE INDAGINI. Le indagini che hanno coinvolto Infrastrutture Lombarde hanno costretto Expo S.p.A. a rivedere la collaborazione con la società che dava supporto nella preparazione delle gare, nella direzione dei lavori di costruzione della piastra e che si occupava di tutta la parte amministrativo-legale relativa alle riserve iscritte. “E’ chiaro che la messa fuori gioco della struttura Ilspa ha rallentato temporaneamente l’avanzamento dei lavori”, ha dichiarato il Commissario, “ma siamo vicini alla firma di una convenzione con le Ferrovie dello Stato: ci avvarremo principalmente di Italferr”. Marco Rettighieri sostituisce da settimane Angelo Paris nella direzione dei lavori affiancato comunque dal personale Ilspa non coinvolto nelle indagini.

I COSTI DI EXPO. Solo il sito dell’esposizione universale costerà 1 miliardo e 300 mila euro. Il Governo ha garantito la copertura della quasi totalità delle spese. Per il dott. Sala al momento si registra un sostanziale pareggio virtuale considerando le spese e le entrate attese: 1 miliardo di euro dai paesi che parteciperanno all’evento per la costruzione dei padiglioni e 300 milioni investiti dalle aziende. Solo con un dopo Expo virtuoso però questo sostanziale pareggio potrà trasformarsi in un reale recupero dell’investimento iniziale. Sala ha dichiarato “non sento che stiamo correndo il rischio del disastro economico”.

Terminata la relazione introduttiva i portavoce del Movimento 5 Stelle della Lombardia hanno rivolto numerose domande al Commissario Sala. Questi i temi trattati e le risposte ricevute dal Movimento 5 Stelle.

DEROGHE. Il dott. Sala ha dichiarato che le deroghe hanno riguardato esclusivamente la riduzione dei tempi burocratico-amministrativi e non la concessione di appalti senza procedure di gara. Anche in materia ambientale, le due deroghe hanno riguardato la riduzione dei tempi della procedura di  Valutazione di Impatto Ambientale e quelli di approvazione del piano scavi.

PIANO GESTIONE RIFIUTI. Secondo le stime, circa 130 tonnellate di rifiuti al giorno saranno rimossi dal sito dove ci sarà obbligatoria la raccolta differenziata. Per la gestione dei rifiuti, anche per ovviare eventuali rischi di infiltrazione malavitosa, l’idea, al momento, è di rivolgersi a AMSA.
APPALTI, AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE E COLLAUDI. A breve sarà trasformata la sezione del sito “Amministrazione trasparente” in “Open Expo”, una sezione nella quale sarà disponibile una maggior quantità di dati in forma più accessibile. I collaudi si terranno in prossimità dell’apertura dell’esposizione.

OCCUPAZIONE. Saranno circa 300 i dipendenti diretti e non supereranno i 325. Ci saranno poi 700 contratti temporanei di questi ad oggi ce ne sono pochi, quasi tutti entreranno nel 2015. Expo S.p.A. ha valutato che, per l’esposizione, saranno necessari 500 volontari ogni giorno per un totale di 7000 mila unità che opereranno sul sito, singolarmente, per 14 giorni. Expo S.p.A. si avvarrà anche di volontari in servizio civile nazionale. Il personale di pertinenza dei paesi ospiti di Expo andrà dalle 50 alle 200 unità per padiglione e ci saranno servizi extra con aziende per la manutenzione e le pulizie del sito. In tutto opereranno sul sito 8-9 mila persone e il sito sarà aperto dalle 10 alle 23.

TURISMO. L’Expo è un caso scuola perché il paese ha perso posizioni nel turismo internazionale. Expo ha già venduto in Cina 650 mila biglietti direttamente ai tour operator e si sta lavorando ad un accordo per altri 500 mila biglietti. Expo ha lavorato con la Farnesina per un aumento del numero di visti da concedere. La regione Lombardia, che ha la delega al turismo, sta impostando delle attività in previsione di Expo anche per costruire una rete di offerta che consenta al visitatore di tornare in Italia. Nel padiglione italiano esisterà uno spazio per promuovere le destinazioni locali.

VIE D’ACQUA. I lavori  del tratto sud non termineranno in tempo per l’esposizione.

POST EXPO. Expo dovrà lasciare un messaggio innanzitutto aprendo il dibattito sui temi trattati dall’esposizione universale, ovvero quelli dell’alimentazione. Per il futuro dell’area Expo, al momento non c’è un progetto definito. Arexpo S.p.A. aprirà un bando rivolto ai privati prima delle vacanze estive per la raccolta di progetti che definiranno il futuro dell’area e dei terreni sui quali sarà ospitata l’esposizione. Uno dei vincoli è che il terreno dovrà essere al 54% verde.

RUOLO DI CONSIP. La Consip è stata interpellata dalla società Expo S.p.A. per l’elaborazione delle gare d’appalto ma ha dichiarato di non essere in grado di produrre la gare richieste visti i tempi ristretti e l’organico sottodimensionato. I documenti ufficiali saranno trasmessi al Movimento 5 Stelle.

TRASPORTO PUBBLICO LOCALE E SANITÀ. Il Commissario Unico ha dichiarato che il tema della mobilità e dei trasporti, così come quello dell’eventuale finanziamento di ospedali e la costituzione di unità di crisi nei punti nevralgici, è di competenza della Regione Lombardia. Per quanto riguarda i trasporti, il dott. Sala ha sottolineato che, al di là della costruzione delle strutture di superficie, come la Pedemontana, occorrerà ora concentrarsi sui mezzi di trasporto già esistenti al fine di gestire al meglio il traffico di persone presente nei mesi di Expo: si calcolano 24  milioni di visitatori. Il problema sarà reperire i fondi necessari a coprire i costi extra derivanti dalla gestione e dal funzionamento dei mezzi pubblici e della sicurezza, perché ad esempio la metropolitana dovrà restare aperta fino all’una e trenta. Expo S.p.A., Comune di Milano e Regione hanno chiesto al Governo un fondo di 50-60 milioni.

SICUREZZA. E’ stato istituito un comitato, presieduto dal Comandante dei Vigili di Milano, Tullio Mastrangelo, che si occuperà della sicurezza.

A conclusione dell’incontro il Commissario Sala ha riconosciuto il Movimento 5 Stelle come interlocutore attento soprattutto sul tema della legalità.  La puntuale preparazione sul tema del M5S si è tradotta in innumerevoli richieste di chiarimenti e accessi agli atti ai quali la Società Expo S.p.A. ha risposto e risponderà con sollecitudine.

tags:

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali