Home Ambiente e Protezione Civile Basta demagogia sul Gp di Monza: i 20 milioni di Maroni non salverebbero il Gran Premio, investiamo meglio i soldi dei cittadini
Basta demagogia sul Gp di Monza: i 20 milioni di Maroni non salverebbero il Gran Premio, investiamo meglio i soldi dei cittadini

Basta demagogia sul Gp di Monza: i 20 milioni di Maroni non salverebbero il Gran Premio, investiamo meglio i soldi dei cittadini

0
1

gp monza

“I 20 milioni che la Regione Lombardia mette sul piatto nella partita per trattenere il GP a Monza (condizionati alla possibilità di entrare esentasse nella proprietà del Parco di Monza)  non sarebbero affatto risolutivi del problema – dichiara Gianmarco Corbetta, Consigliere Regionale del MoVimento 5 Stelle Lombardia. Contrariamente a quanto si pensa, quei soldi servirebbero solo per riqualificare l’autodromo (qualche briciola dovrebbe auspicabilmente servire anche per il Parco) ma non certo per accontentare le esose richieste di Bernie Ecclestone.”

I soldi per il rinnovo del contratto con il patron della F1 – continua il portavoce pentastellato – non ci sono né ora, né con l’eventuale intervento di Regione Lombardia. Piaccia o no, questo è lo stato delle cose.  Per questo l’iniziativa ‘Scendi in pista con la Lombardia. Firma anche tu per il Gp di Monza’ è solo l’ultima trovata propagandistica di Maroni. Prima si rendano noti, se esistono,  dati certi sull’indotto economico del GP a Monza e nella nostra regione (al di là delle solite stime approssimative della Camera di Commercio di Monza), poi si dica chiaramente come la Sias intende reperire i 20 milioni che servono per il rinnovo del contratto e solo dopo si valuti se investire denaro pubblico nella riqualificazione dell’autodromo. Altrimenti si tratta dell’ennesimo sperpero di denaro pubblico, di cui faremmo volentieri a meno”, conclude Corbetta”

Gianmarco Corbetta – Consigliere Regionale del M5S Lombardia

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali