Comunicati stampa Notizie Stefano Buffagni

Dimissioni Melazzini, rispetto per l’uomo, ma niente sconti dal M5S su condotta politica inopportuna.

A Melazzini, come a qualunque politico, il M5S non può concedere sconti, e ciò prescinde dal rispetto per la persona e per la grande sofferenza dovuta alla malattia, rispetto che noi abbiamo sempre avuto. La nostra segnalazione sui rimborsi da lui percepiti in assenza dall’Aula, è stata oggetto di un’istruttoria dell’Ufficio di Presidenza, a seguito della quale Melazzini ha ritirato il certificato medico ed ha provveduto alla restituzione di 4500 euro. Questi sono i fatti. Dal nostro punto di vista non abbiamo mai contestato la persona Mellazzini, per la quale proviamo stima per il coraggio e la forza che dimostra nella sua attività istituzionale e per la sua battaglia contro la malattia. Contestiamo, e avremmo contestato comunque, qualunque forma di condotta politica inopportuna. Solo oggi Melazzini, a distanza di quasi un anno dalla sua nomina in AIFA, pare accorgersi che il suo nuovo incarico in AIFA mal si concilia coi numerosi impegni di un consigliere regionale ed ha deciso di dare le dimissioni dal Consiglio, le accogliamo augurandogli un proficuo lavoro nei ruoli nei quali è chiamato a prestare la sua attività.

 

Stefano Buffagni – Portavoce Regionale del M5S Lombardia

Articoli Correlati

Assestamento bilancio regionale, Di Marco: «Legge priva di visione e concretezza, specchio del caos e le lotte interne al centrodestra»

Riforma Parco Agricolo Sud Milano: firma anche tu per fermare lo scippo del centrodestra lombardo

Di Marco: «Il Superbonus 110% traina la ripresa in Lombardia con 21 mila cantieri e 4 miliardi di investimenti»