Home Notizie Berlusconi perseguitato: Assessore Mantovani, che vergogna!

Berlusconi perseguitato: Assessore Mantovani, che vergogna!

0
0

mantovani Ieri l’Assessore alla Sanità Lombarda Mario Mantovani, in visita a Gerusalemme, ha ricordato l’opera dei cittadini lombardi che hanno aiutato gli ebrei italiani come un inno alla libertà ”contro i mille volti della persecuzione che, come nel caso del leader dell’opposizione Silvio Berlusconi, può manifestarsi anche con la negazione della parità dei diritti”.
Proviamo vergogna per le dichiarazioni dell’assessore Mantovani in Israele, che ha paragonato persone perseguitate, spogliate di ogni dignità umana, dei loro beni, delle loro famiglie, rinchiuse in campi di concentramento e uccise, ad un singolo uomo politico italiano che ha sempre goduto di privilegi ingiustificabili e che è stato condannato con un regolare processo, in sede di appello.
Troviamo inaccettabile che l’assessore in viaggio a spese del contribuente abbia potuto anche solo pensare di supportare il fatto che un cittadino condannato dalla legge Italiana a seguito di reati perpetrati nella sua arrogante corsa al potere, si sia paragonato con quella che è la pagina più triste della storia dell’umanità.
Chiediamo all’assessore che porga scuse ufficiali a tutti gli ebrei perseguitati, alle famiglie di coloro che sono stati uccisi nei campi di concentramento e a tutta l’umanità. I cittadini sono stufi di questa Italia berluscocentrica: le persone che hanno sofferto in modo cosi atroce non devono e non possono essere strumentalizzate a suo uso e consumo. Dopo una dichiarazione come questa l’assessore dovrebbe seriamente interrogarsi sul suo ruolo di rappresentante istituzionale, e, magari, rendere finalmente felici gli abitanti di Arconate tornando a fare solo il sindaco.

Paola Macchi Portavoce consigliere alla regione Lombardia MoVimento 5stelle

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali