Home Comunicati stampa Finanziamenti regionali a Electrolux: vogliamo vederci chiaro
Finanziamenti regionali a  Electrolux: vogliamo vederci chiaro

Finanziamenti regionali a Electrolux: vogliamo vederci chiaro

0
1

electroluxMovimento 5 Stelle Lombardia ha depositato una interrogazione a risposta scritta che chiede alla Giunta regionale di fare chiarezza sui finanziamenti regionali erogati alla multinazionale Electrolux. L’azienda ha annunciato di voler delocalizzare la produzione e centinaia di lavoratori rischiano il posto di lavoro in Lombardia. Nel 2010 l’allora presidente di Regione Lombardia Roberto Formigoni inaugurava presso lo stabilimento dell’azienda di l’avvio di una nuova linea di produzione. Formigoni dichiarava per l’occasione: “Con quasi 2 miliardi di euro Regione Lombardia intende fare la sua parte nel premiare l’innovazione, tanto più se abbinata alla sostenibilità ambientale. Il Piano per la Lombardia Sostenibile consentirà di creare 40 mila nuovi posti di lavoro da qui al 2015″.

Dario Violi, consigliere di M5S e primo firmatario della mozione dichiara: “Con l’interrogazione chiediamo di quantificare eventuali finanziamenti di Regione Lombardia a Electrolux negli ultimi cinque anni. Questa vicenda ha contorni poco chiari e qualora emergessero finanziamenti pubblici a una azienda che ha deciso di delocalizzare vorremmo che fossero accertate tutte le responsabilità del caso”.

Stefano Buffagni, consigliere di M5S aggiunge: “Lassessore alle Attività produttive, Ricerca e Innovazione della Regione Lombardia Mario Melazzini, si è impegnato personalmente in iniziative di supporto ai lavoratori di Electrolux sia in ambito regionale che nazionale. Ma tutto è fermo. Certo chiarire il comportamento della Regione e della multinazionale in questa vicenda in cui a perderci sono i lavoratori potrà aiutare nella trattativa tra le parti. Certo non permetteremo a nessuno di andar via dalla Lombardia senza aver ridato indietro eventuali sovvenzioni ricevute”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali