Home Notizie Infrastrutture, sanità, ambiente. Ecco su cosa punterà il M5S nel Bilancio regionale 2019-2021
Infrastrutture, sanità, ambiente. Ecco su cosa punterà il M5S nel Bilancio regionale 2019-2021
0

Infrastrutture, sanità, ambiente. Ecco su cosa punterà il M5S nel Bilancio regionale 2019-2021

0
0

Lunedì 17 e martedì 18 dicembre il Consiglio Regionale sarà chiamato a discutere la legge di Bilancio, ovvero quel provvedimento che definisce come devono essere spese le risorse regionali nel corso del triennio 2019-2021. In linea con il suo programma elettorale e con le richieste della cittadinanza, il M5S ha presentato 157 emendamenti, nel tentativo di convogliare i fondi sulle cose che davvero servono ai lombardi. Come ad esempio le infrastrutture*: facciamo tutte quelle opere che davvero sono utili al territorio. Sono decine gli emendamenti depositati che chiedono investimenti per opere strategiche. Tra questi la richiesta del prolungamento delle linee metropolitane, la riqualificazione di strade e ponti, l’estensione della rete ferroviaria, l’eliminazione delle barriere architettoniche e importanti investimenti in mobilità sostenibile. Tra le sollecitazioni, nello specifico, il prolungamento della linea M2 in direzione sud da Assago a Rozzano-Binasco e il prolungamento della M3 da Milano a Cormano-Paderno Dugnano. Chiediamo investimenti anche per la messa in sicurezza delle strade locali, di ponti e viadotti e la manutenzione straordinaria della rete stradale regionale. Le richieste riguardano anche di garantire gli stanziamenti per la riqualificazione della Milano-Meda oltre a 1 milione e 200 mila euro per i Piani di eliminazioni delle barriere architettoniche (PEBA). Per il M5S le infrastrutture non sono mai state un tabù, le risorse però devono essere spese solo se garantiscono benefici reali al territorio, non per riempire le tasche di questo o quell’imprenditore. Riqualificazione e manutenzione alle infrastrutture esistenti devono essere la priorità. Un esempio su tutti: la chiusura dei ponti sul Po ha impatti devastanti per cittadini e aziende. Il risultato della votazione sugli emendamenti dirà chi sono quelli del sì o quelli del no.

Sul fronte della salute, quello che abbiamo in mente è una sanità di cittadinanza, che deve essere, oggi come non mai, vicina ai lombardi, attenta ai più deboli, capillare sui territori e capace di interpretare le sfide del futuro. Deve prendersi cura dei cittadini oltre che curare e guarire. Anche in questo ambito abbiamo presentato decine di emendamenti e ordini del giorno che chiedono risorse per la sperimentazione per l’infermiere di famiglia, su cui il M5S ha anche depositato una proposta di legge, nuove “culle per la vita”, risorse per l’acquisto di giochi per i bambini ricoverati e ospedalizzati e fondi per le persone non autosufficienti. Tra gli emendamenti spazio anche alla richiesta di finanziamenti per i controlli sull’amianto e per sostenere le persone affette da fibromialgia, ludopatie e sindrome da burnout. È del M5S anche la proposta di stanziare maggiori risorse per la promozione e l’incremento di programmi di screening finalizzati a prevenire l’infertilità nei giovani adulti e di rendere gratuite le cure veterinarie per i proprietari d’animali d’affezione con Isee basso.  Non stiamo chiedendo l’impossibile. Interveniamo in decine di ambiti con la richiesta di fondi che possono davvero fare la differenza nel sostegno alle fragilità. La crisi e le politiche vergognose dei governi precedenti hanno tolto risorse alla Sanità colpendo soprattutto i più deboli. Con i nostri emendamenti e ordini del giorno vogliamo invertire la rotta.

Ambiente, una stella che non deve mai smettere di brillare. Stop alle plastiche monouso, bonifiche e controlli a tappeto sullo stoccaggio dei rifiuti anche per prevenire i roghi, la Lombardia non può stare alla finestra. Proprio per questo abbiamo depositato emendamenti e ordini del giorno che chiedono alla Lombardia di fare di più. L’ambiente si tutela con le risorse, non con le promesse. Esenzione di 5 anni del Bollo auto ibride (GPL, metano, elettriche), un fondo di ricerca per utilizzo di nuove tecnologie per il trattamento e la valorizzazione dei fanghi da depurazione, fondi per le bonifiche, finanziamenti per i controlli sugli impianti di trattamento di rifiuti, il censimento dei siti abusivi e l’individuazione di potenziali luoghi di stoccaggio e il monitoraggio degli inquinanti in acque, aria e suolo, in prossimità dei siti di stoccaggio gas sono tra le richieste principali presentate dal Movimento. E’ necessario incrementare l’impegno per la riduzione dell’uso della plastica, una vera e propria emergenza planetaria. La Lombardia deve fare la sua parte. Dobbiamo finanziare gli enti locali per cancellare l’uso di plastiche e sostituire le stoviglie e posate monouso con quelle biodegradabili o riciclabili nelle mense pubbliche e scolastiche. Questo è quello che chiediamo. Dal M5S anche la proposta di aumentare il numero di Guardie ecologiche volontarie e finanziamenti per i centri di recupero degli animali selvatici. Ci auguriamo che la Maggioranza faccia proprie le nostre sollecitazioni. Aria, acque e suoli sono risorse preziose che la Lombardia deve difendere perché salvaguardare il nostro ambiente è  anche garantire un futuro migliore a tutti i lombardi.

Altri temi importanti sui quali puntiamo sono il lavoro, in merito al quale chiediamo principalmente di investire sul rilancio dei Centri per l’impiego regionali, che devono farsi carico di chi è più difficilmente collocabile, e l’edilizia pubblica residenziale.  Per questo chiediamo con forza di finanziare la riqualificazione degli stabili e degli alloggi popolari, l’installazione della videosorveglianza e l’attivazione dei servizi di portineria e custodia. Sono diversi gli emendamenti presentati dal gruppo regionale che chiedono risorse per aiutare tutte quelle migliaia di persone che stanno ai margini, che vivono in quartieri Aler dove regna il degrado o che non riescono a trovare un’occupazione.

Infine la legalità, il sociale, e la tutela dei diritti. Anche qui chiediamo uno sforzo maggiore a Regione Lombardia rispetto all’andamento delle ultime legislature in cui questi ambiti sono stati, colpevolmente, fanalino di coda nella programmazione economica. Abbiamo chiesto risorse per i giochi inclusivi nei comuni fino a 10 mila abitanti, per la costituzione di nuovi centri antiviolenza, per l’inclusione scolastica degli studenti con disabilità, per la prevenzione della ludopatia e per i percorsi di formazione contro il bullismo e cyberbullismo. Sul tema dell’antimafia e dell’anticorruzione, abbiamo presentato emendamenti e ordini del giorno per l’incremento del fondo beni confiscati alla mafia, per il contrasto alle mafie e la tutela delle vittime, per migliorare il funzionamento degli sportelli anti-usura e per il sovraindebitamento.

Su tutti questi temi attendiamo un riscontro positivo della maggioranza, che altrimenti dovrà spiegare direttamente ai cittadini perché si è schierata contro queste richieste di buon senso che fanno soltanto l’interesse dei cittadini. Vi terremo aggiornati costantemente sull’andamento delle sedute d’aula.

I portavoce del M5S Lombardia

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali