Home Notizie Fermare i casi di mutilazioni genitali femminili in Regione Lombardia.
Fermare i casi di mutilazioni genitali femminili in Regione Lombardia.

Fermare i casi di mutilazioni genitali femminili in Regione Lombardia.

0
0

“Stop alle mutilazioni genitali femminili, tutte le donne in consiglio regionale firmino la nostra mozione urgente”, è questa la richiesta che la consigliere regionale del M5S Lombardia Paola Macchi sottoporrà domani, martedì 7 marzo, all’attenzione del Consiglio regionale. Per Macchi, “l’infibulazione è una pratica barbara, è violenza bruta, in aperta violazione dei diritti fondamentali all’integrità della persona e alla salute di donne e bambine. In Lombardia i flussi migratori sono massicci ma non esistono né dati ufficiali né analisi. L’ultima stima, del 2010, attestava a circa 20 mila donne portatrici di mutilazione genitale (http://www.irer.it/Rapportifinali/codici-2009/2009b061-rapporto-finale). Non si conosco insomma i dati reali di quante bambine o donne in Lombardia subiscono questa azione che viene praticata clandestinamente e che ricorrono alle cure dei sanitari solo in caso di gravi complicazioni quali emorragie o di interventi di chirurgia ricostruttiva”. “La mozione che ci auguriamo possa essere discussa – continua Macchi – chiede di predisporre modelli di intervento innovativi e sperimentali finalizzati a favorire l’integrazione sociale di donne, adulte e minori, vittime o potenziali vittime di pratiche di mutilazioni genitali femminili, la realizzazione di corsi di formazione specifica per la facilitazione delle relazioni tra le istituzioni e la popolazione migrante di origine africana e a promuovere attività informative e di sensibilizzazione con la predisposizione di materiale cartaceo nella lingua di origine delle donne straniere. La festa della donna deve avere un profondo significato di solidarietà fra donne contro la violenza”.

Informativa sulla Privacy

A partire dal 25 maggio 2018 è entrato in vigore il nuovo Regolamento Generale sulla Protezione dei Dati Personali (GDPR), abbiamo aggiornato la nostra Informativa per il trattamento dei dati personali