Consiglio Regionale News Legalità e trasparenza Marco Fumagalli Trasparenza

Camici Dama – interrogazione: va sanzionato inadempimento contrattuale

🔴 CAMICI DAMA – INTERROGAZIONE M5S, VA SANZIONATO L’INADEMPIMENTO CONTRATTUALE

Il 16 aprile la Dama spa si aggiudica, senza gara, una fornitura di camici alla Regione Lombardia – tramite Aria, l’agenzia regionale pubblica degli acquisti – per 513mila euro. Il 22 maggio la ditta restituisce i soldi alla Regione.

Il MoVimento 5 Stelle Lombardia ha depositato un’interrogazione, a firma del consigliere regionale Marco Fumagalli M5S Lombardia, che chiede:

‼️ Per quali motivi la stazione appaltante, non ritirando in autotutela la fornitura, non ha valutato di richiedere il risarcimento del danno per inadempimento contrattuale?

Inoltre, se Regione Lombardia non ritiene di segnalare comunque tramite ARIA S.p.A. la Dama S.r.l. all’ANAC per le violazioni inerenti la fornitura consistenti, (sul caso è stata aperta anche nei giorni scorsi un’inchiesta per turbativa d’asta):

‼️ Come può un ordine di fornitura a seguito di un contratto pubblico diventare una donazione? Il codice civile dispone che le donazioni debbano essere fatte per atto pubblico e accettate davanti al notaio. Qualcuno di ARIA ha accettato una follia simile?

“Una ditta che riceve un ordine di fornitura è obbligata ad eseguire l’ordine e se non adempie può essere citata per il risarcimento del danno. Al di là che l’interrompere una fornitura di materiale sanitario potrebbe anche integrare una fattispecie di reato, qualcuno si è attivato per ottenere la completa fornitura del materiale ordinato? Ma può un appaltatore decidere unilateralmente di interrompere una fornitura e rinunciare al compenso?

Non credo proprio se non vogliamo sovvertire la legge e il codice dei contratti pubblici. Gli obblighi contrattuali si devono rispettare e se una parte li viola, la controparte se è un ente pubblico ha l’obbligo di agire a tutela dell’ordine pubblico economico.

➡️ Per questo motivo oltre a richiedere lumi sull’atto notarile, ho chiesto se la Dama spa è stata segnalata all’ANAC per violazione degli obblighi contrattuali e se Regione Lombardia è intenzionata a escludere la Dama Spa dai propri elenchi dei fornitori a causa della commissione di un grave errore professionale nei confronti di ARIA Spa”.

Articoli Correlati

Regione Lombardia – La maggioranza salva Gallera, a pagare sono i lombardi.

Redazione Staff

Campagna vaccinale Anti-Covid: la Lombardia si prepari in tempo

Redazione Staff

Regione vota contro emendamento per IRCCS pubblico al San Gerardo

Redazione Staff