Home Ambiente Bonifiche ambientali: venerdì 15 luglio il convegno del M5S
Bonifiche ambientali: venerdì 15 luglio il convegno del M5S

Bonifiche ambientali: venerdì 15 luglio il convegno del M5S

0
2

Semplificare le procedure per gli addetti ai lavori, salvaguardare ambiente e territorio e tutelare la salute dei cittadini. E’ la proposta del Movimento 5 Stelle vuole per riformare il codice di disciplina per le bonifiche. Un progetto ambizioso, quello contenuto all’interno della proposta di legge presentata dal deputato Massimo De Rosa, che i rappresentati del Movimento, assieme alle personalità del mondo dell’impresa e della tutela ambientale, illustreranno venerdì 15 luglio, dalle 14.00 alle 18.00 al Pirellone, nel corso del convegno: “BONIFICHE AMBIENTALI -La proposta del Movimento Cinque Stelle“. 100.000 ettari di territorio avvelenato da rifiuti industriali di ogni tipo. 57 siti di interesse nazionale da bonificare individuati negli ultimi 15 anni, poi ridotti a trentanove. Caratterizzazioni e analisi effettuate in modo a volte esagerato e inefficace, progetti di risanamento che tardano ad arrivare e bonifiche completate praticamente assenti, a parte qualche piccolissima eccezione. Le bonifiche rappresentano un’opera pubblica dalle dimensioni mastodontiche: secondo alcune stime recenti il giro d’affari complessivo del risanamento ambientale in Italia si aggirerebbe intorno alla cifra astronomica di 30 miliardi di euro. Dal 2001 al 2012 sono stati messi in campo 3,6 miliardi di euro di investimenti, tra soldi pubblici messi a disposizione (1,9 miliardi di euro, pari al 52,5% del totale) e progetti approvati di iniziativa privata (1,7 miliardi di euro, pari al 47,5% del totale). Le bonifiche devono rappresentare un vero e proprio investimento sul futuro del Paese dal punto di vista sanitario, ambientale e occupazionale. Basti pensare che l’attivazione degli investimenti necessari all’attuazione del piano nazionale per le bonifiche produrrebbe 410mila posti di lavoro pari a 13.600 posti di lavoro per miliardo di euro investito. Le attività di bonifica darebbero 30 volte più occupazione di quelle di raffinazione petrolifera e 20 volte di più di quelle legate all’industria chimica tradizionale che hanno causato i danni.

L’appuntamento è fissato per venerdì 15 luglio, dalle 14.00 alle 18.00, presso la sala Pirelli di Palazzo Pirelli. “Sarà l’occasione per discutere assieme agli operatori del settore come il loro compito verrà semplificato dalle modifiche alla disciplina delle bonifiche, e quali vantaggi potrebbero ottenere dalle nostre proposte” spiega De Rosa, “Riteniamo che, facilitare il compito agli addetti ai lavori, sia la strada che permetta di arrivare in maniera diretta ad una maggiore salvaguardia di ambiente e territorio, nonché ad una maggior tutela della salute dei cittadini” conclude il consigliere regionale Andrea Fiasconaro.

Gli aspetti più importanti che verranno toccati dalla proposta di legge sono:

  • L’introduzione di nuove definizioni volte a semplificare le attuali procedure.
  • Il superamento del sistema misto (tabellare e sito specifico) per adottare un sistema unico.
  • L’abbandono del binomio bonifica/messa in sicurezza, per fare ritorno alla bonifica con misure di sicurezza, spesso più adeguata alle reali condizioni di un sito.

“Discutendo con gli addetti ai lavori, mostreremo loro quali saranno le ricadute positive delle novità introdotte dalla proposta che, con De Rosa e il M5S, abbiamo elaborato” spiega la biologa Annalisa Gussoni, consulente per ciò che concerne il disegno di legge.

Il convegno “BONIFICHE AMBIENTALI” vedrà la partecipazione di alcuni fra i massimi esperti del settore, della comunità scientifica e del mondo delle imprese. Interverranno: l’Assessore all’Ambiente di Regione Lombardia Claudia Terzi, Andrea Fiasconaro portavoce del Movimento Cinque Stelle in Consiglio Regionale, la Direttrice di Assoambiente Elisabetta Perrotta, l’ingegner Claudio De Albertis Presidente di ANCE, il Presidente di A.N.E.P.L.A. Paolo Zambianchi, Giorgio Zampetti responsabile scientifico Nazionale di Legambiente, Rita Bernini Vicepresidente di FederArchitetti ed, in attesa di conferma, anche il prof. Massimo Beccarello  Presidente Ordine degli Ingegneri Lombardia.

Per accreditarsi è sufficiente inviare una mail con il proprio nome e cognome, all’indirizzo: convegno.bonifiche@gmail.com.

 

tags: